Diario dalla zona arancione – giorno 61

Silvia è libera. Silvia Romano è stata finalmente liberata. Di questo 2020 questa è la prima notizia positiva che è arrivata e che ci fa sperare nella ripartenza. Il giorno dell’anniversario della morte di Peppino Impastato e Aldo Moro quasi a voler segnare il trionfo della vita e della libertà, il giorno prima la festa della mamma, un gran regalo per un famiglia che per mesi ha vissuto nell’angoscia.

Non voglio nemmeno pensare al circo di chiacchiericcio che è già iniziato. Chi non riesce a riconoscere la bellezza di questa notizia, ha un approccio alla vita da non vivente. Ed è un gran peccato.

Intanto quello che è il penultimo sabato a casa (scongiuri facendo) è trascorso nella routine dei fornelli e studio, anche se un momento di sconforto c’è stato alla vista delle prossime scadenze economiche. Ce la faremo, ce la farò, ma questi due mesi hanno fatto saltare tutte le previsioni.

I progetti, viaggi, la possibilità di un evoluzione lavorativa, tutto scomparso. Come sempre ci vuole ottimismo, sguardo puntato al futuro, ma è innegabile gli strascichi che ci saranno. Vabbè aspettiamo e speriamo.

A domani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.