Diario dalla zona arancione – giorno 66

Lo scorrere del tempo è un qualcosa d’impietoso che segna le nostre esistenze. Ad esempio 70 giorni fa non avevo la minima idea di ciò che sarebbe accaduto, del dramma umano collettivo e personale che avrebbe vissuto il mondo intero. Ancora oggi non riesco a dare una dimensione a questo tempo.

Così come se ripenso a cinque anni fa, esattamente in questo istante, non avevo minimamente idea della direzione che avrebbe preso la mia Vita, dell’incontro che nemmeno 24 ore dopo mi avrebbe travolto, sconvolto e fatto rinascere.

5 anni, un tempo che può sembrare immenso ma che diventa piccino comparato dall’inizio della vita. Questo sempre in relazione al periodo vissuto mi spinge, mi fa venir voglia di iniziare quella vita da tempo desiderata, di cui ne ho bisogno.

Passerà ancora un po’ di tempo ma da lunedì, dalla fine di questo periodo, bisogna iniziare a correre, altrimenti i sogni restano nella notte persi.

A domani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.